Spiaggia di Cala Goloritzé



Ricerca nominativa della spiaggia





Scelta rapida della spiaggia

Sulla mappa che trovate qui a lato, sono rappresentate le 8 province della Sardegna.
Pur se le quattro nuove province istituite nel 2001, dovranno essere cancellate a seguito del decreto della Giunta regionale sarda del dicembre 2014, continueremo a considerarle per meglio suddividere le aree della Sardegna nelle quali possano essere individuate le diverse spiagge.
Selezionate sulla cartina la provincia nella quale volete cercare una o più spiagge per accedere direttamente alla pagina della provincia.

Sassari Oristano Nuoro Medio Campidano Ogliastra Olbia Tempio Carbonia-Iglesias Cagliari Province della Sardegna


Come raggiungere la spiaggia

Si raggiunge in barca da Santa Maria Navarrese o da Cala Gonone. E' possibile anche raggiungerla dalla terra ferma scendendo dal Supramonte di Baunei. Dal paese di Baunei si prende la Bia Maiore, l’antica strada dei pastori del Supramonte ora asfaltata, verso la chiesetta di S. Pietro. Poco prima di arrivare alla chiesetta, lasciare l’auto ed imboccare un sentiero, poco individuabile ma segnalato che, in circa tre ore (quattro per il ritorno), porta alla costa; il percorso è faticoso e difficile per i non esperti di trekking ed è quindi possibile solo se adeguatamente allenati ed equipaggiati.

Servizi

Tipo arenile: Arenile di sabbia e rocce

Tipo fondale: Fondale profondo (degrada velocemente)


Servizi:
Adatta ai bambini

Coordinate GPS: 40.108307 - 9.689183

Usa il bottone qui sotto per convertire le coordinate da decimali a gradi

Conversione coordinate




Descrizione della spiaggia

Si tratta di una delle più suggestive calette di tutto il Mediterraneo. E' diventata famosa sopratutto per il colore turchese delle sue acque, dovuto allo sgorgare di una sorgente d'acqua dolce che sfocia direttamente in maree, ma anche per la bellezza di alcune rocce che limitano la cala. La spiaggia è di dimensioni limitate e con un fondo di piccoli ciottolini bianchi e sabbia grossolana. La spiaggia è caratterizzata da un basso fondale che la rende adatta ai bambini.
Una particolarità di quasta caletta è un arco naturale di roccia proteso verso il mare sul lato destro della cala.
Sempre sullo stesso lato alle spalle della caletta si erge imponente la Punta Goloritzé, uno spuntone di roccia alto 100 metri, meta obbligata per tutti gli arrampicatori. Si tratta di un monolite calcareo di forma piramidale con caratteri simili alla vicina Perda Longa di Baunei.
Nelle vicinanze si può avvistare il Falco della Regina, una specie assai rara che nidifica in questa zona.
Cala Goloritzè è stata dichiarata Monumento Naturale della Regione Sardegna nel 1993, e poi nominata Monumento Nazionale Italiano nel 1995.